Ferrovie

Sul territorio italiano abbiamo diverse situazioni in cui la linea ferroviaria si trova ad attraversare centri urbani o lambisce pertinenze di abitazioni e centri residenziali. La legge italiana, prevede la realizzazione di un piano di risanamento acustico che consenta di far rientrare i siti attraversati da linea ferroviaria entro i limiti di rumorosità previsti dalla normativa nazionale.

Con la realizzazione in Italia delle linee ferroviarie ad Alta Velocità, si è iniziato a costruire le barriere antirumore contestualmente alla realizzazione delle infrastrutture.

E' stata l'esperienza sui cantieri dell'Alta Velocità che ha portato considerare nel modo opportuno le sollecitazioni cicliche indotte dai transiti dei convogli ferroviari quindi i fenomeni indotti dalla fatica.

ITALFERR ha quindi messo a punto un protocollo di prove a fatica da eseguirsi sugli elementi acustici per barriere antirumore da utilizzare lungo linee ad Alta Velocità e dal risultato di questi test è emerso che i pannelli fonoisolanti e fonoassorbenti in lamiera di alluminio  TW115 ALV15 sono stati qualificati mentre i pannelli in lamiera di acciaio inox TW115AV12 INOX sono stati omologati per l'impiego su linee AV.

Per quel che riguarda i pannelli trasparenti   i pannelli in polimetilmetacrilato spessore 20 mm sono stati qualificati mentre quelli in vetro stratificato temperato 8+8+1,52 mm hanno ottenuto l'omologazione con l'impiego di opportuni telai perimetrali di contenimento.

Le linee guida RFI sono state riviste alla luce delle esperienze fatte da ITALFERR ed ora prevedono solamente l'impiego di:

  • Pannelli in lamiera di acciaio inox
  • Pannelli in cls
  • Pannelli in vetro stratificato temperato completi di idoneo telaio perimetrale

questo per ragioni dovute alla durabilità ed alla resistenza meccanica dei materiali.

Vai alla Gallery